Migrazione e asilo di minorenni, la strategia della Commissione europea

In occasione del nuovo patto sulla migrazione e l’asilo la Commissione europea ha manifestato la volontà di rafforzare le garanzie e le norme di protezione previste dalla legislazione europea per i minorenni migranti. È stato sottolineato che tutte le decisioni che li riguardino dovranno tenere conto del loro superiore interesse e del diritto all’ascolto della persona di minore età. I rappresentanti dei minori non accompagnati dovranno essere nominati il più rapidamente possibile e dovranno disporre di risorse sufficienti. Va rafforzato l’European Network on Guardianship, la rete europea di tutela, che dovrà giocare un ruolo maggiore nel coordinamento, nella cooperazione e nel rafforzamento delle capacità dei tutori. I minori non accompagnati e i minori di 12 anni, così come le loro famiglie, dovranno essere esentati dalle procedure di frontiera, fatte salve le ragioni di sicurezza…  -  Per saperne di più e approfondire l'argomento, continua a leggere la più ampia newscliccando su garanteinfanzia.org (fonte notizia) pubblicata il 5 novembre 2020.